Varie - Cittadinanzattiva Fermo

Sede Provinciale di Fermo
Cittadinanzattiva
Vai ai contenuti


   REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI


Istituito nel 2011, il registro pubblico delle opposizioni nasce come argine al fenomeno delle chiamate di telemarketing sulle utenze fisse e per via postale. Già dal 2011 qualunque cittadino può iscrivere il proprio numero di telefono fisso, a condizione che questo sia presente negli elenchi telefonici.

In breve, si tratta di un servizio pubblico e gratuito per tutti i cittadini che, una volta iscritti negli elenchi del registro, non potranno più essere contattati da operatori e/o sistemi automatizzati di telemarketing, oppure per ricerche di mercato o comunicazioni commerciali, né ricevere pubblicità cartacea.
Il nuovo servizio  consente di porre un argine al fenomeno del telemarketing aggressivo, e di sanare una situazione che negli anni ha esasperato molte persone, consentendo agli operatori che operano nel rispetto della normativa di continuare ad esercitare la propria attività nei confronti degli utenti finali interessati alle offerte.
Inoltre, la semplificazione delle procedure di accertamento delle violazioni dovrebbe favorire l’adeguamento alla nuova disciplina anche da parte di quei soggetti che finora hanno agito al di fuori della normativa nazionale.

Il nuovo registro comprende tutti i numeri nazionali, fissi e cellulari, anche se non presenti negli elenchi telefonici nazionali. Una prima grande novità rispetto all’elenco precedente, approvato nel 2011 e relativo solo al marketing aggressivo tramite posta e utenze fisse, a condizione fossero presenti negli elenchi telefonici.
Mentre l’altra novità riguarda la possibilità di bloccare tutte le telefonate di telemarketing, anche quelle fatte con modalità automatiche (le così dette robocall).

Il servizio sarà valido a meno che i mittenti delle operazioni di marketing non abbiano ottenuto specifico consenso all’utilizzo dei dati successivamente alla data di iscrizione al Registro pubblico delle Opposizioni.

Da quando il registro diventerà completamente operativo, tutte le aziende che fanno marketing telefonico dovranno verificare che i possibili contatti non siano iscritti al registro, iscriversi all’elenco delle aziende e fornire le lista dei numeri che vogliono utilizzare.

Per smettere di ricevere chiamate moleste e togliere i propri numeri di telefono dagli elenchi delle società di telemarketing basterà iscriversi gratuitamente al registro attraverso tre possibili modalità: telefono, sito web, o email.

Per maggiori informazioni consulta il sito www.registrodelleopposizioni.it

Aggiornamento ai consumatori finanziato dal MiSE. Legge 388/2000 - ANNO 2022

LA POVERTA'



 
Si tratta di uno dei più gravi problemi del mondo che riguarda milioni e milioni di persone. Risolverlo è una delle grandi priorità dei nostri tempi. La povertà, che può essere assoluta o relativa, non risparmia nessuno e riguarda tutti indistintamente, da nord a sud. Si stima che quasi l’11% della popolazione mondiale viva con massimo 1,90 dollari al giorno. Quasi l’11%, in valori assoluti, significa più di ottocento milioni di persone. Che non possono procurarsi nemmeno il minimo necessario per la sopravvivenza.
 
Povertà assoluta
 
Detta anche “povertà estremaè lo stato di chi si ritrova a dover vivere con massimo 1,90 dollari al giorno. In questa condizione, non si dispongono a sufficienza di risorse essenziali come cibo, acqua, casa, vestiti, medicine.
 
Povertà relativa
 
Consiste nell’impossibilità di fruire di beni o servizi in rapporto al reddito pro capite medio di un determinato Paese. Chi si trova in povertà relativa potrebbe avere il minimo necessario per la sopravvivenza ma non usufruire di tutte le possibilità e i servizi disponibili in un Paese.
 
La povertà in Italia
 
Oltre alla costante corsa del prezzo del gas in Europa a livelli mai visti prima d'ora , che incide pesantemente sulla tenuta economica di famiglie e imprese, c’è un altro elemento che desta preoccupazione è  la povertà in Italia, che sta interessando  sempre di più nuove fasce di popolazione come dimostra l’ultimo report di Eurostat, che ha fatto seguito a quello dell’Istat. Il continuo aumento  dei prezzi del gas e dell’elettricità  ha accentuato ulteriormente il problema.
 
Il rischio di povertà in Italia nel 2022 cresce soprattutto per i bambini e per i lavoratori. Secondo le tabelle su povertà e disuguaglianza appena pubblicate nel 2021 le persone a rischio di povertà, ovvero quelle con un reddito inferiore al 60% di quello medio disponibile, erano 11,84 milioni con una percentuale del 20,1% della popolazione, in crescita dal 20% del 2020. Guardando all’esclusione sociale, cioè non solo alle famiglie con un reddito inferiore al 60% di quello medio ma anche a quelle che hanno difficoltà ad avere beni e servizi come ad esempio una casa adeguatamente riscaldata e un pasto proteico ogni due giorni, e all’intensità lavorativa, le persone in difficoltà superano i 14,83 milioni pari al 25,2% della popolazione.
 
La situazione peggiora soprattutto per i bambini in età prescolare (under 6) a rischio di povertà che sono il 26,7% del totale, in aumento dal 23,8% rispetto al 2020.  Si tratta di 667mila bambini, solo in lieve aumento rispetto ai 660mila del 2020,  ma il dato risente anche del fatto che si è ridotta la popolazione in questa fascia di età. Se si allarga la platea anche alle famiglie a rischio di esclusione sociale, la percentuale per gli under 6 in situazione di difficoltà sale al 31,6% dal 27% del 2020.
 
 
L’Istat nel mese di giugno, nell’ambito delle statistiche sulla povertà, ha informato che nel 2021, erano in condizione di povertà assoluta poco più di 1,9 milioni di famiglie (7,5% del totale da 7,7% nel 2020) e circa 5,6 milioni di individui (9,4% come l’anno precedente). Pertanto, secondo l’Istat, la povertà assoluta conferma sostanzialmente i massimi storici toccati nel 2020, anno d’inizio della pandemia dovuta al Covid-19. Per la povertà relativa l’incidenza sale all’11,1% (da 10,1% del 2020) e le famiglie sotto la soglia sono circa 2,9 milioni (2,6 milioni nel 2020). Un altro elemento messo in evidenza dall’Istat è il peggioramento della condizione delle famiglie con maggior numero di componenti.
Cittadinanzattiva - Casa delle associazioni - via Del Bastione 3- 63900 Fermo (FM)
Tel. 347 6775839 - 348 9242421 - 0734 6252328 (TdM) - e-mail: cittadinanzattivafermo@pec.it - citt.attivafermo@gmail.com
Torna ai contenuti